VOLONTARIATO: IL CRUMA DI LIVORNO PROPONE UN CORSO DI FORMAZIONE PER IL RECUPERO DELLA FAUNA FERITA O IN DIFFICOLTA’

Quattromila ricoveri ogni anno. Sono in aumento le richieste di aiuto che giungono al Cruma Lipu da parte di persone che rinvengono animali selvatici feriti o in difficoltà. Un impegno molto gravoso al quale il Centro riesce a far fronte grazie alla disponibilità di numerosi cittadini che mettono a disposizione un po’ del loro tempo libero per curare questi animali.

LocandinaLipu_02

Per questi motivi il Centro ha deciso di organizzare  un corso di reclutamento e formazione di nuovi volontari per le attività di soccorso e recupero della fauna selvatica. Il corso prevede quattro incontri serali: i principali argomenti trattati saranno, oltre ad un’introduzione sulla storia e sulle attività della Lipu e del Cruma, anche le normative e le leggi vigenti sulla materia, quando e come effettuare il soccorso della fauna selvatica, quali sono le pratiche corrette da mettere in atto, come svolgere le attività di cura e riabilitazione dei pazienti all’interno del Centro e la loro gestione clinica veterinaria (per quest’ultima attività si specifica che queste attività potranno essere effettuate solo da eventuali veterinari partecipanti al corso).

Tarabusino durante visita medica

Per partecipare al corso e diventare volontario non è richiesta alcuna formazione specifica o esperienza pregressa, ma la voglia di mettersi in gioco, imparare, un forte spirito di collaborazione e voglia di sporcarsi le mani!

Il Corso si terrà il 27 febbraio ed il 5, 12 e 19 marzo prossimi dalle ore 21:00 alle 23:00. L’iniziativa, si svolgerà presso l’Auditorium Pamela Ognisanti, in Via Gobetti 11 a Livorno nel locale messo a disposizione dal Comune di Livorno, è gratuita ma, per motivi organizzativi, è necessario prenotarsi ed essere regolarmente iscritti alla Lipu (l’iscrizione può essere effettuata anche al primo incontro).

Per maggiori informazioni o prenotazioni potete scrivere a cruma.livorno@lipu.it o chiamare allo 0586400226 dalle ore 10.00 alle ore 17.00

Rondoni un momento prima della liberazione